Visualizzazioni totali

L'IMPORTANTE E' NON VINCERE

VINCINO - L'IMPORTANTE E' NON VINCERE
Diario politico-satirico 1977, Presentazione di Stefano Benni
(Feltrinelli - Universale Economica Feltrinelli 813 - Aprile 1978 - 144pp.)


















Raccolta delle vignette satiriche disegnate da Vincino (Vincenzo Gallo) per il quotidiano "Lotta Continua". Il libro segue gli eventi e i personaggi dell'anno 1977 in ordine cronologico - dai fatti del marzo bolognese alle manifestazioni romane, la fuga di Kappler, l'affare Lockheed, le lotte antinucleari a Montalto di Castro, le bugie di Cossiga, gli autonomi di Via dei Volsci (Roma), Andreotti, Berlinguer, Lama etc.

Vignette per "Lotta Continua" dall'8 Gennaio 1977 al 26 Gennaio 1978.

Formato 18x11 cm.

C'ERA, CIOE' C'E'

CLAUDIA e PAINO (Claudia Salaris-Pablo Echaurren)
C'ERA, CIOE' C'E' (Savelli - Illustrati 028 - Marzo 1978 - 96pp.)


















Nel 1978 Savelli pubblica C'era, Cioè C'è, un libretto illustrato di filastrocche in rima ad opera di Pablo Echaurren e Claudia Salaris (che in questa occasione si firmano Claudia e Paino). Protagonista di queste storie, deliziosamente disegnate da Echaurren e già apparse sulle pagine del quotidiano "Lotta Continua", è un simpatico bestiario impossibile popolato da gufi giornalisti, un'elefante con le fattezze di Amendola (dalle immancabili "orecchie a svendola"), un tapiro fachiro e animali da fattoria che rifiutano il lavoro.
C'era, Cioè C'è si inscrive nella produzione creativa del movimento del '77, quello degli "indiani metropolitani", "l'ala desiderante" con i suoi giochi di parole e l'irridente nonsense.

Sommario:
- Discorso intorno all'esistenza dell'animale che vive di sola aria...
- C'era, cioè c'è
- Dialogo sui massimi sistemi tra una cicala e una formica
- Lu cunto de li cunti de li passerotti
- Non più anelli alle narici...

Copertina: "Davif".

Disegni stampati in inchiostro blu.
Con un disegno a firma Pablo e Vincino.

Formato 21x14 cm.

Elenco OPAC delle biblioteche con questo libro.

PER IL TUO BENE CARA

WOLINSKI - PER IL TUO BENE CARA
(De Carlo Editore - 1968 - 64pp.)

















Raccolta di disegni umoristici di Georges Wolinski, uno dei più noti autori satirici del '68 francese e all'epoca collaboratore della rivista "Hara-Kiri". Le vignette grottesche di Per il Tuo Bene Cara sono improntate ad uno humor cinico e spiazzante. Per questo libro l'autore fu insignito del Grand prix de l'Humour Noir 1968.

Titolo originale: "Carnet de Croquis" (Jean-Jacques Pauvert Editeur, 1966).
Traduzione: Federico Valli.

Formato 27,5x20 cm. 


1968-1988 ARTE PSICHEDELICA E CONTROCULTURA IN ITALIA

1968-1988 ARTE PSICHEDELICA E CONTROCULTURA IN ITALIA
a cura di MATTEO GUARNACCIA
(Stampa Alternativa - Nuovi Equilibri - Autunno 1988 - 120pp.)


















1968-1988 Arte Psichedelica e Controcultura in Italia di Matteo Guarnaccia (Stampa Alternativa-Nuovi Equilibri, 1988) rappresenta il primo tentativo di storicizzare gli anni della Controcultura Italiana, i suoi artisti e le pubblicazioni, operazione non facile, data la natura effimera di molta produzione dell'epoca. Chi dipingeva o creava un giornale quasi sempre era spinto dall' urgenza di operare nel presente, "qui e ora" ("Be Here Now" di Richard Alpert fu non a caso uno dei libri più amati dagli hippies) e difficilmente si preoccupava di salvare le proprie opere per i posteri - vedi il contributo di Myriam Sumbulovich nel volume.

Il libro raccoglie testimonianze e saggi, un'ampia scelta di opere, edite ed inedite (tra gli altri, Camerini, Capa, Guarnaccia, Turchet...) e un "glossario"(Riviste , Collettivi, Raduni...), che, lungi dall'aspirare ad un'impossibile completezza, elenca molti dei "luoghi" più significativi.

Arte Psichedelica e Controcultura in Italia può considerarsi la "madre" di tutte le pubblicazioni future ed aprirà la strada a studi, ricerche, mostre. Fu  anche una voce fuori dal coro, in una celebrazione ventennale 68-88 che declinava quegli anni - Capanna, Scalzone etc. - in chiave strettamente politica. 

Sommario:
- Prefazione (Claudio Risé)
- Testimonianze degli artisti
- Sezione iconografica
- Da Mondo Beat all'underground (Gianni De Martino)
- Abbecedario generale (?) (con Gigi Marinoni)
- Postfazione (Primo Moroni)
- Sezione fotografica (Italo Bertolasi)

Testimonianze di: Matteo Guarnaccia, Italo Bertolasi, Patrizia Brambilla, Sergio Calatroni, Guido Daniele, Mario Camerini, Max Capa, Caterina De Gaspari, Valerio Diotto, Renata Molho, Antonio Peticov, Luciano Pradella, Claudio Previtera, Miro Silvera, Myriam Sumbulovich, Gianni Scarpelli, MizioTurchet.

La sezione iconografica presenta opere di:  
Sergio Calatroni / Guido Daniele / Patrizia Brambilla (inedito 1972)
Mario Camerini (da "Skizzo" 1975 e inediti s.d.)
Max Capa (da "Puzz" 1971-72)
Caterina De Gaspari (da "Minestrone" 1975 e inediti 1971-74)
Valerio Diotto (da "Insekten Sekte" 1972 e inediti 1972-74 e s.d.)
Enzo Jannuzzi (inediti 1972 e s.d.)
Matteo Guarnaccia (da "Insekten Sekte" 1972, "Minestrone" 1975,
poster per "Re Nudo" 1975, "Stadt Revue" 1977 e inediti 1974-1988)
Renata Molho (inediti 1971)
Luciano Pradella ("Matteo Valerio Luciano" 1974 e inediti 1975 e s.d.)
Erik Schoeller (da "Insekten Sekte" 1974 e inediti 1975)
Miro Silvera (inedito 1968)
Myriam Sumbulovich (inediti 1968 e s.d.)
Gary Stafford (da "Insekten Sekte" 1971-74)
Stefano Tamburini (da "Combinazioni" 1974 e "Cannibale" 1977)
Giò Tavaglione ("Urlo e Grido Beat" 1967 e "Mai" 1968)
MizioTurchet (da "Puzz" 1971, testo Gianni Milano e poster 1971)

Al volume è allegato un set di 14 cartoline: Matteo Guarnaccia (1987), Ettore Sottsass (da "Pianeta Fresco" 1967-68), Brambilla / Daniele (1970 e s.d.), Mario Camerini (s.d.), Antonio Peticov (manifesto per "Re Nudo" pop festival 1973), Barnaba Fornasetti (da "Get Ready" 1972), Caterina De Gaspari (s.d.), Gaetano Aragona "Gai" (s.d.), Myriam Sumbulovich (da "Pianeta Fresco" 1968), Claudio Previtera (s.d).

Formato: 20 x 20 cm.

OSSERVAZIONI SUL VOLO DEGLI UCCELLI

NANNI BALESTRINI - OSSERVAZIONI SUL VOLO DEGLI UCCELLI
Poesie 1954-1956
(Libri Scheiwiller - "Poesia" n. 25 - Ottobre 1988 - 48pp.)


















Le poesie raccolte in Osservazioni sul Volo degli Uccelli risalgono agli anni degli esordi letterari di Nanni Balestrini (1954-1956) e apparvero sulle riviste "Mac Espace", "Il Gesto", "Azimuth" e il "Verri".

"Questo volumetto a cura di Vanni Scheiwiller è stato stampato dall'officina d'arte grafica Lucini di Milano in seicento copie numerate il 30 Ottobre 1988".

MANUALE DI COLTIVAZIONE DELLA CANAPA

FRANCO SPINA - MANUALE DI COLTIVAZIONE DELLA CANAPA
(Savelli - Manuali / 5 - Maggio 1981 - 192pp.)


















Il Manuale di Coltivazione della Canapa di Franco Spina, pubblicato da Savelli, è una guida pratica dettagliata alla canapicoltura con una breve introduzione storica. Il libro fornisce risposte, consigli e accorgimenti per tutti gli aspetti della coltivazione in interni ed esterni.
L'opera fu più volte sequestrata - destino comune a questo tipo di pubblicazioni - nonostante sia presente questo caveat: 
"La pubblicazione di questo testo non intende né difendere né incitare alla violazione della legge. Il materiale qui presentato può e vuole costituire semplicemente un'utile informazione per il lettore".

Sommario:
- Storia, tipo, fisionomia e ciclo della pianta
- La coltivazione
- Per incominciare
- Dalla I alla XIV settimana
- La coltivazione in esterni
- Esterni dalla I alla XIV settimana
- Fioritura, raccolto, essiccazione
- Malattie, carenze parassiti, fertilizzanti
- Bibliografia

Copertina: Daniela Berretta.

Illustrato con 200 disegni in bianco e nero.

Formato 21,5x15,5 cm.

Elenco OPAC delle biblioteche con questo libro.

AGENDA ROCK 1980

AGENDA ROCK 1980 - a cura di Massimo Buda e Silvano Fassina
(Savelli - Agosto 1979 - 288pp.)


















Agenda Rock 1980, testi di Massimo Buda e grafica del poliedrico Silvano Fassina (1952-1995), raccoglie centinaia di brevi schede, ricorrenze per ogni giorno del calendario (nascite, morti, dischi, concerti ed eventi) sui protagonisti della musica, dagli albori del rock 'n' roll (da Buddy Holly agli Everly Brothers) al punk-new wave (Generation X, Clash e Siouxie), passando per i classici (Beatles e Stones e tutti gli altri); qui e là compaiono anche un po' di nomi italiani: tra questi Battisti, Bennato, Camerini, Finardi, Mingardi e - tra i più nuovi - Gaznevada e Skiantos.
L'opera è dedicata a Patti Smith, della quale Buda curarà l'anno seguente una raccolta di poesie per Newton Compton ("Poesie Rock").

Sommario:
- Calendario
- Memorandum
- Premessa (Massimo Buda)
- Agenda
- Rubrica
- Note

Supplemento a "Il Pane e le Rose" pubblicazione settimanale di cultura, politica ed attualità varia. Registrazione del Tribunale di Roma n. 17576 del 24-2-1979.
Ai sensi dell'attuale legge sulla stampa - che impone per ogni pubblicazione periodica l'indicazione di un direttore responsabile iscritto all'albo dei giornalisti - Luigi Manconi è direttore responsabile della presente pubblicazione.

Con centinaia di fotografie in bianco e nero.
Formato 24x17 cm.

Questo titolo non compare nel catalogo del sistema bibliotecario Opac.

HI!

GREGORY CORSO - HI!
(Edizione del Giano 21 - Maggio 1988 - 50pp.)


















Raccolta di versi del poeta beat Gregory Corso (1930-2001); le poesie di Hi! appartengono al periodo romano di Corso (anni '80) e furono pubblicate dall'Edizione del Giano di Antonio Porta in una collana curata da Dario Bellezza. Con testo originale a fronte.

"Caro Jack in morte,
brutte notizie:
North Beach è affollata
di bar che sputano sui poeti..."
(Lettera a Kerouac 1983)

Introduzione e traduzione di Aldo Berti.
Marchio in copetina: Ennio Calabria.

Formato 21x15 cm.

Questo titolo non compare nel catalogo del sistema bibliotecario Opac.

DEL TERRORISMO E DELLO STATO

GIANFRANCO SANGUINETTI - DEL TERRORISMO E DELLO STATO
La teoria e la pratica del terrorismo per la prima volta divulgate
(Gianfranco Sanguinetti c.p. 451 Milano - IIa ed. Aprile 1980 - 96pp.)

















  
Gianfranco Sanguinetti, già membro dell'Internazionale Situazionista e nel 1975 autore (con lo pseudonimo Censor) di "Rapporto Veridico sulle ultime opportunità di salvare il capitalismo in Italia", nel 1979 diede alle stampe Del Terrorismo e dello Stato; il pamphlet era  solo un capitolo (il decimo - sui rapporti tra Stato e terrorismo - unitamente alla dedica e alla prefazione), di un'opera intitolata "Rimedio a Tutto", i cui diritti vennero acquistati da Mondadori che però si rifiutava di pubblicarlo. Sanguinetti decise di "dissequestrare" il libro pubblicandolo in proprio. Dopo un anno ne veniva pubblicata una seconda edizione che si apriva con una nuova prefazione, già apparsa sull'edizione francese del libro (Le fin mot de l'Histoire, 1980). Del Terrorismo...considerava le Brigate Rosse niente più che "una delle molteplici appendici armate" dello stato, uno strumento spettacolare nelle mani dei servizi segreti.

"...Coloro che oggi, o per disperazione, o perché vittime della propaganda che il regime fa al terrorismo come non plus ultra della sovversione, guardando con ammirazione acritica al terrorismo artificiale, provandosi perfino talvolta a praticarlo, questi non sanno di mettersi in concorrenza con lo stato sul suo stesso terreno; e non sanno che, sul suo proprio terreno, lo stato non solo è più forte, ma avrà sempre l'ultima parola". 

Sommario:
Prefazione all'edizione francese
- Avvertimento dell'Autore
- Indice di Rimedio a Tutto
- Dedica ai cattivi operai d'Italia e di tutti i paesi
- Prefazione
- Del terrorismo e dello Stato

Formato 23x14,5 cm.

Una traduzione integrale in inglese si trova sul sito della rivista Not Bored.

MAFIA E SPIE

GIUSEPPE FERRARA - MAFIA E SPIE
L'amoroso rapporto tra onorata società e servizi segreti
(Nova Cultura Editrice - 1990 - 144pp.)

















  
Mafia e spie, del regista Giuseppe Ferrara, indaga sugli intricati collegamenti tra servizi segreti, mafia, terrorismo e mondo finanziario, già oggetto di numerose opere cinematografiche dell'autore. Il documentato dossier ripercorre molte delle vicende più critiche nella storia della nostra Repubblica dagli anni '40 agli anni '80 (delitto Mattei, golpe Borghese, scomparsa di De Mauro, caso Moro, loggia P2 etc.), episodi di diversa natura ma tutti volti a conservare gli equilibri politici in funzione antidemocratica.

Sommario:
Premessa: il golpe strisciante della P2 8ancora in atto) e la Mafia
1 - Vatican Connection - Operazione Petrolio - Nuovo Partito Popolare
2 - Caso Moro
3 - Caso Calvi
4 - Caso Sindona: prima parte
5 - Il principe Alliata
6 - Il bandito Giuliano e i servizi italo-americani
7-  Gli episodi ancora inspiegabili: Togliatti - Mattei - De Mauro
8 - Caso Sindona: seconda parte
9 - Sindona, ultimo atto - la "Sistemata"
10 - Buscetta: i programmatori e il golpe Borghese
Prima conclusione: approfondire la ragnatela
Seconda conclusione: si può vincere la Mafia
Allegato: Strategie delle ombre (panoramica internazionale)

Allegato al libro uno "schema dei rapporti tra servizi segreti, mafia, banchieri spia dal 1943 ad oggi" (43,5x31 cm., stampato sui due lati, ripiegato).

Volume pubblicato in collaborazione con Bertani Editore, Verona.

Formato 21,5x16 cm.

POESIE

GIOVANNI MARINI - POESIE
Dei gambelunghe - Strani saggezza a rimare
(Poligraf edizioni - Marzo 1982 - 64pp.)














Seconda raccolta di poesie dell'anarchico Giovanni Marini (1942-2001), premio Viareggio 1975 per il libro "Noi Folli e Giusti". Questo libro è dedicato a Camilla Cederna.

Interventi introduttivi di: Marina Cerrato ("Avanti!" 13 Luglio 1975), Fabio Isman ("Il Messaggero" Luglio 1975), Alberto Moravia ("Il Messaggero" Luglio 1975), "Il Confronto" (Maggio 1981), Antonio Castaldi ("Il Mattino" Ottobre 1981), Franco De Domenico ("Dossier Sud" 15 Novembre 1981), Pietro A. Butitta ("Il Corriere della Sera"), Camilla Cederna, Dario Fo.

CANZONE D'AUTORE ITALIANA DAL 1959 AL 1979

DISCOGRAFIA RAGIONATA DELLA CANZONE D'AUTORE ITALIANA DAL 1959 AL 1979 - a cura di Alessandro Carrera
(Edizioni Unicopli - Novembre 1979 - 28pp.)

















  
Alessandro Carrera, scrittore e cantautore (all'apoca aderente alla cooperativa L'Orchestra), nel 1979 è autore di una succinta discografia essenziale della Canzone d'Autore Italiana; partendo dall'opera dei Cantacronache (Amodei, Liberovici, Straniero, Margot etc.), questa guida segnala 186 microsolchi che includono i lavori della cosiddetta "scuola di Genova" (Bindi, De André, Endrigo, Lauzi, Paoli), i cantautori politici (Amodei, Bertelli, Della Mea, Marini, Pietrangeli etc.), quelli dialettali (Madau, Salvatore) fino ai "nuovi" cantautori: Bennato, Branduardi, Dalla, Lolli e i "nuovissimi" come Fanigliulo e Riondino.
I dischi sono stati scelti secondo un criterio basato sulla distinzione tra canzone d'autore nata come "fatto artigianale in contrapposizione a una musica leggera  che già vent'anni fa appariva totalmente industrializzata": di conseguenza l'autore ha scelto di non includere Baglioni, Battisti ed altri cantautori a suo parere nati come "prodotti di consumo" fin dall'inizio della loro carriera.

Sommario:
- introduzione
- Gli inizi: tra gli anni '50 e gli anni '60
- La "scuola di Genova"
- Canzoni e cabaret
- La canzone politica: il Nuovo Canzoniere Italiana
- La canzone politica: la Cooperativa L'orchestra
- Canzone politica e militante
- La "nuova canzone"
- La canzone e il rock
- La canzone e le culture regionali
- Vecchi e nuovi autori 

Disegno di copertina: T. Demuro.

Formato 24x17 cm.

Questo titolo non compare nel catalogo del sistema bibliotecario Opac.

BECCO ROSSO

BECCO ROSSO
Grafica satirico politica
(La nuova sinistra - Edizioni Savelli, n.1 - 1973 - 64pp.)

















  
Numero unico di satira edito nel 1973 da Savelli. Becco Rosso, il cui titolo recava un evidente omaggio al "Becco Giallo" degli anni '20, si inseriva nella corrente delle altre riviste satiriche coeve ("Ca Balà", "L'Arcibraccio"), presentando fumetti, vignette, collage e brevi testi (bersaglio principale la D.C. di Andreotti e Fanfani), privilegiando nella maggior parte dei casi l'immediatezza del messaggio politico alla gradevolezza estetica. Tra i collaboratori - quasi tutti anonimi - Alex Vannini ed una esordiente Cecilia Capuana (suoi i disegni a tema femminista).

"Redazione testi e disegni collettivo Becco Rosso presso: 
La nuova sinistra - Edizioni Savelli, via Cicerone 44, 00193 Roma".

"Numero unico in attesa di autorizzazione".

Formato 24x17 cm.

SALVO IMPREVISTI

SALVO IMPREVISTI
Quadrimestrale di poesia e altro materiale di lotta
(A. II. n. 1 - Gennaio/Aprile 1975 - 32pp.)

















Salvo Imprevisti, "quadrimestrale di poesia e altro materiale di lotta" fondato dalla poetessa Mariella Bettarini, nasce a Firenze nel Febbraio 1973 ("numero unico") e nel 1974 esce il n. 1 (Gennaio-Aprile). Mutato il sottotitolo in "quadrimestrale di poesia" (1980), continua le pubblicazioni fino al n. 56 del 1992, a cui si aggiungono numerosi quaderni e ciclostilati di poesia; successivamente prende il titolo L'Area di Broca, semestrale giunto nel 2012 al n. 94-95. 
I numeri di Salvo Imprevisti erano monografie su temi politico-culturali ("Dopo il '68", "Poesia e follia", etc.), impostazione poi mantenuta anche per "L'Area di Broca". Questo n. 1 dell'anno secondo è una indagine socio-antropologica sul rapporto tra sud e produzione culturale che comprende una panoramica dei più interessanti contributi (Scuola di Palermo, L'Antigruppo ed altri).

Sommario:
- Perchè il Sud (Mariella Bettarini)
Interventi:
- La cultura degli sfuttati: sud e magia? (Silvia Batisti)
- Sicilia, poesia e aree di intervento (Giuseppe Zagarrio)
- Testimonianze dalla Sicilia (Rolando Certa)
- Donne e Sicilia (Maria Rosa Cutrufelli)
- Cultura a Napoli: decadenza e dubbio (intervista a Franco Cavallo)
- Cinema italiano e questione meridionale (Giovanni R. Ricci)
Testi:
- Se.dizione (Ciro Vitiello)
- Dal fondo della campagna violata (Tommaso Di Ciaula)
- Formaggio e olive (racconto di Stefano Lanuzza)
- Lettera alla redazione (con risposta redazionale) (Giovanni Frullini)
- Libri (Valentini, Capezzuoli, Gagno, Lolini, Batisti, Ricci, Bettarini, Lanuzza) 

Foto: Maurizio Berlincioni.
Disegno: Rosa Mistretta.

"Registrazione del Tribunale di Firenze n. 2331 del 9/2/1974.

Redazione: Silvia Batisti - Mariella Bettarini (dir. responsabile) - Rino Capezzuoli - Roberto Gagno - Stefano Lanuzza - Attilio Lolini - Giovanni R. Ricci - Luciano Valentini - Roberto Voller".

Formato 32x21,5 cm. 


L'ISOLA

GIULIA NICCOLAI & LUCIANO MARCO BOSCHINI - L'ISOLA
(Emme Edizioni - 1974 - 28pp.)


















L'Isola, breve fiaba ecologica per l'infanzia della poetessa Giulia Niccolai, illustrata da Luciano Marco Boschini, racconta di un'isola felice abitata unicamente da un branco di scimmie che attira l'attenzione di una potente società; questa, con la consulenza delle "famose 7 autorità" (evidente riferimento alle "sette sorelle", i paesi che all'epoca si spartivano il mercato petrolifero), decide di impiantarvi una "città modello" con abitazioni moderne e fabbriche; le scimmie perdono la libertà e vengono confinate in zoo, i pochi esemplari sfuggiti alla caccia si rifugiano su una collina non ancora edificata e lì familiarizzano con i bambini, unici abitanti scontenti della "civilizzazione" forzata; il finale della favola mostra i bambini e le scimmie che giocano assieme sognando la distruzione della città-mostro.

Con 11 illustrazioni a colori a tutta pagina.

Formato 26x25,5 cm.

ATTENTO TE...!

LANFRANCO BINNI - ATTENTO TE...!
Il teatro politico di Dario Fo
(Bertani Editore - Manifesti della lotta di classe 16 - Luglio 1975 - 488pp.)


















Attento Te...! è saggio-dossier che mette a fuoco l'attività teatrale di Dario Fo nel periodo 1969-1975, inquadrando l'esperienza del collettivo "La Comune" all'interno della realtà politica in cui si trovava ad operare. Il libro si avvale di contributi già apparsi  negli anni precedenti (Giuliano Scabia, Goffredo Fofi etc.) e di documenti della "Comune" sul proprio lavoro e sul rapporto, spesso anche conflittuale, con le altre realtà della sinistra (rottura politica con ARCI e PCI e polemiche con i "Circoli Ottobre" di Lotta Continua). In appendice una intervista a Fo ed il testo della commedia "Il Fanfani Rapito".

Sommario:
- Prima "nota di montaggio"
- Cinque interventi sul teatro in italia e sul teatro politico di Dario Fo *
- Due documenti della Comune (Settembre 1972 e Marzo 1973)
- Uno spettacolo "d'intervento" Brescia 21 Giugno 1974
- Un "convegno sulla cultura" Milano, 13-14-15 giugno 1974 ("La Comune")
- La "Palazzina Liberty"
- Dario Fo
- Documentazione fotografica
- Seconda nota di montaggio (Milano, Settembre-Dicembre 1974)
Appendice
- Intervista con Dario Fo (Da "Playboy", dicembre 1974)
- Il Fanfani rapito (da "Panorama", n. 447, 12-6-1975)

* Giuliano Scabia da "Contro l'Industria Culturale" (Guaraldi 1971).
Paolo Puppa da L'Erba Voglio 5, Aprile 1972.
Da "Enciclopedia Feltrinelli Fischer", a cura di Pio Baldelli (Festrinelli 1974).
Roberto Alonge da "Teatro e Società del Novecento" (Principato 1974).
Goffredo Fofi da "Ombre Rosse" n. 5, Marzo 1974.

Formato 18,5x12 cm.

Elenco OPAC delle biblioteche con questo libro.

VIAGGIATORE SOLITARIO

JACK KEROUAC - VIAGGIATORE SOLITARIO
a cura di Alessandro Gebbia e Sergio Duichin
(Arcana Editrice - Situazioni 38 - Aprile 1979 - 176pp.)


















Viaggiatore Solitario, pubblicato nel 1960, raccoglie i diari di viaggio di Jack Kerouac (1922-1969) attraverso gli Stati Uniti, il Messico, l'Europa (Gran Bretagna e Francia) e il Marocco. Il libro, con brani inediti e già pubblicati su riviste, contiene alcuni racconti ("Fellaheen del Messico" e "Railroad Earth") considerati dalla critica tra i migliori scritti di Kerouac; il capitolo "Solo sulla vetta di una montagna" è il racconto dei tra mesi trascorsi in solitudine presso Desolation Peak nello stato di Washinton come vedetta antincendio, esperienza narrata anche in "Angeli di Desolazione" e "I Vagabondi del Dharma". I resoconti delle peregrinazioni dell'autore, ormai maturo, rivelano una insopprimibile forza vitale ma anche desiderio di solitudine e disincanto per la fine delle illusioni.

Sommario:
- Introduzione dell'autore
- 1. Moli della notte senza casa
- 2. Fellaheen del Messico
- 3. La terra della ferrovia
- 4. I sozzoni del mar della cucina
- 5. Scene di New York
- 6. Solo sulla vetta di una montagna
- 7.Grande viaggio in Europa
- 8. La scomparsa dell'hobo americano 

Titolo originale: Lonesome Traveler (McGarw Hill, 1960)
Copertina: Studio Lapis, Milano.

Formato 20x14 cm.

Ristampato da Arcana nel 1994. 
Sugarco nel 1994 ha pubblicato una nuova edizione, ristampata nel 1997.
L'edizione più recente è quella Mondadori (2002), intitolata "L'Ultimo Vagabondo Americano", con una nuova traduzione.

TUTTO QUESTO

FRANCO BELTRAMETTI - TUTTO QUESTO
(Supernova - Maggio 1990 - 222pp.)


















Antologia poetica di Franco Beltrametti, Tutto Questo raccoglie circa 200 tra poesie, haiku, testi di poesia visiva e versi destinati ad accompagnare performances musicali.
Scritte tra il 1977 e il 1988, le composizioni di questo libro erano già apparse in monografie e in numerose riviste italiane (Alfabeta, Il Verri, Tam Tam etc.) e straniere.

non si può dire
"in altre parole"
in altre parole

9/11/82

Sommario:
- 1977
- 1978
- 1979
- 1980
- 1981
- 1982
- 1983
- 1984
- 1985
- 1986
- 1987
- 1988
- Note biografiche
- Bibliografia
- Discografia
- Traduzioni principali
- Estratti da recensioni 

Formato 17x12 cm.

BANANA STORY, ECCETERA

FRANCO BELTRAMETTI - BANANA STORY, ECCETERA
(Stamperia della Frontiera - 004 - IIa ed. Agosto 1985 - 52pp.)


















Tre racconti di Franco Beltrametti (1937-1995), ciascuno suddiviso in brevi paragrafi numerati, scritti tra il 1977 e il 1983. "Banana story" ipotizza un mondo fondato sul culto ossessivo per il frutto tropicale, "Il romanzo giallo" mette in scena un giallo in cui l'unica vittima sarà lo stesso investigatore; "Ottobre Ottobre", infine, mescola elementi autobiografici, frammenti onirici e riflessioni sulla propria opera.

"...Una eleganza zen, un piacere del ludico e un filo di grande malinconia" (Giulia Niccolai).

Sommario:
- Banana story (Ottobre 1977-Luglio 1981)
- Il romanzo giallo (1977-1983, Marsiglia per Julien Blaine)
- Ottobre Ottobre (1982, Ferrara e Bologna)

Editor: Furio Belfiore.
Disegno di copertina: Nando Snozzi.

Formato 18,5x12,5 cm.

Elenco OPAC delle biblioteche con questo libro.

ADAMO & EVA N.2

ALEX VANNINI - ADAMO & EVA N.2
(Partisan - 1970 - 128pp.)














Seguito delle (dis)avventure di Adamo & Eva di Alex Vannini; questo secondo volume, ancora una volta pubblicato da Savelli, esce per il marchio editoriale Partisan.


Copertina: Sergio Barletta.

ADAMO & EVA

ALEX VANNINI - ADAMO & EVA
(Samonà e Savelli - 1969 - 56pp.)














Raccolta di vignette umoristiche del disegnatore satirico Alex Vannini; Adamo & Eva apparvero su riviste italiane ("Rinascita", "Vie Nuove") e straniere.

Presentazione: Antonio Bertini.
Copertina: Fantastici 4.

IL VISSUTO NELL'IMMAGINE

ANDREINA ROBOTTI - IL VISSUTO NELL'IMMAGINE
a cura di Italo Mussa
(Bertani Editore - fuori collana - Giugno 1979 - 54pp.)


















Monografia sull'opera dell'artista Andreina Robotti (1913-1996), curata da Italo Mussa e pubblicata dall'editore Bertani (che utilizzò sue illustrazioni per le copertine di numerosi libri). Il volume presenta 17 opere (biancheria decorata ed opere grafiche), testi critici, un elenco di mostre e pubblicazioni.

Sommario:
- Nell'occhio della critica
- Oggetti estetici
- Mostre personali - Collettive principali - Edizioni grafiche
- Premi - Recensioni da quotidiani e riviste - Monografie - Presentazioni
- Appendice: Esordio grafico.

Fotografie: Pino e Tarcisio Dal Gal e Eligio Righetti.
Formato 24x17 cm.

"OMAGGIO A ISA MIRANDA"

"OMAGGIO A ISA MIRANDA"
a cura di Lina Mangiacapre e Teresa Mangiacapra
(LIT. L.A.N. Napoli - Estate 1981 - 24pp.)


















Omaggio a Isa Miranda è il catalogo della omonima rassegna cinematografica sulla diva degli anni '30 (Napoli, Settembre-Ottobre 1981), organizzato dal gruppo artistico-femminista Le Nemesiache, nato nel 1970 e attivo per molti anni, fino alla scomparsa della fondatrice Lina Mangiacapre.

All'interno, riproduzioni in bianco e nero di ritratti di Isa Miranda ad opera di:
Maccari, Turcato, Scialoia, Monachesi, Pirandello, Tamburi, Guttuso, Emery, Omiccioli, Gentilini, Mafai, Stradone.

Note di: Lina Mangiacapre ("Quotidiano Donna" 1981), Filippo Sacchi (1935 e 1953), Sandro De Feo (1935), Isa Miranda (1945 e 1957), Alvaro Di Maio (1945), Raul Radice (1943), Anonimo (1950), Fernaldo Di Giammatteo (1950), Mario Foglietti (1978).

Formato 17x12 cm.

ICMESA

AA. VV. - ICMESA Una rapina di salute, di lavoro e di territorio
a cura di Marco Martorelli
(Mazzotta - Nuova informazione 55 - Novembre 1976 - 120pp.)


















Ancora una pubblicazione su Seveso; ICMESA , a distanza di pochi mesi dagli eventi, raccoglie una serie di interventi a firma di Camilla Cederna, Laura Conti, Gaetano Pecorella ed altri sulle conseguenze del disasatro: il libro prende in esame gli effetti nocivi della diossina, la condotta criminale della Roche-Givaudan proprietarie dell'Icmesa, la gestione ritardataria ed inefficace da parte delle istituzioni preposte alla bonifica e il comportamento irresponsabile di chi cercava di rassicurare sulla normalità ed innocuità della situazione (Democrazia Cristiana, Comunione e Liberazione ma anche scienziati).

Sommario:
- Cento giorni alla diossina (Giovanni Cerruti)
- La lezione della cloracne (Sergio Zedda)
- Troppe scadenze mancate (Laura Conti)
- Dietro l'ICMESA (Claudio Risé, Camilla Cederna, Virglio Bettini)
- Dove va la diossina (Ezio Tabacco)
- Quante altre Seveso? (Ennio Elena)
- Una nube sulla istituzione (Mario Capanna)
- Abortire a Seveso (Marisa Fumagalli)
- Chi Pagherà (Giovanni Cerruti)
 
Formato 19x11,5 cm.

SEVESO

SEVESO Una tragedia italiana
(Idea Editions - Il fatto, la foto - Giugno 1977 - 72pp.)

















  
Fotolibro di grande formato sull'incidente di Seveso; le immagini, ad opera di famosi fotografi come Dino Fracchia, Uliano Lucas, Mauro Galligani etc., mostrano i luoghi della catastrofe durante le operazioni di bonifica, scene di vita quotidiana e manifestazioni di protesta degli abitanti delle zone inquinate.
Completano l'opera un testo di introduzione di Neva Agazzi, una cronologia, schede sull'Icmesa e la diossina.

Sommario:
- Quel Sabato 10 Luglio
- foto
- Cronologia
- Schede

Testi: Neva Agazzi Maffii.
Fotografie: Marcello Arfini, Daniele Bonecchi, Alberto Calcinai, Domenico Carulli, Carlo Cerchioli, Giancarlo De Bellis, Dino Fracchia, Mauro Galligani, Maurizio Ghidoli, Uliano Lucas,Francesco Ponticelli, Alberto Roveri, Chiara Visconti e Agenzie Italia, Ap.
Biblioteca di cronache illustrate diretta da Uliano Lucas
Progetto grafico e montaggio: Pasquale Prunas
realizzato da Claudio Ronchetti
Consulenza editoriale: Andrea Branzi

Formato 29x21,5 cm.

SEVESO. LA GUERRA CHIMICA IN ITALIA

SEVESO. LA GUERRA CHIMICA IN ITALIA - a cura di Massimo Aloisi, Marco Gabrieli, Gianni Moriani, Dario Paccino, Luigi Perbellini
(Bertani - Quaderni di Triveneto 1 - Ottobre 1976 - 112pp.)


















Dossier sulla terribile disastro ambientale di Seveso (Milano), dove nel Luglio del 1976 da uno stabilimento chimico Icmesa fuoriuscì una nube tossica di diossina provocando danni a lungo termine a persone, animali e ambiente (e tuttora oggetto di studio).
Seveso. La Guerra Chimica in Italia, ricostruendo il susseguirsi degli eventi da Luglio a Settembre '76, analizza gli effetti nocivi della diossina sull'ambiente ed inquadra l'evento come un episodio all'interno di quella che gli autori definiscono "normalità del veleno" (vedi i morti per piombo tetraetile della Sloi, per l'Eternit etc.): la condotta disinvolta e criminale che, in nome dell'economia, distrugge salute ed ambiente.

Il dossier uscì nella collana "Quaderni di Triveneto". La rivista "Triveneto" (fabbrica-società-sindacato) produsse 4 fascicoli (n. 0, 1, 2/3, 4/5) tra il 1973 e il 1975.

Sommario:
- Nota editoriale (Verona, Ottobre 1976)
- Il Vietnam alle porte di Milano... (a cura di Marco Gabrieli)
- Contributi: Luigi Perbellini, Gianni Moriani, Massimo Aloisi, Dario Paccino

"Supplemento alla rivista TRIVENETO, dir. Ivano Spano, dir. resp. Giuseppe Mattei, registro stampa Tribunale di Verona 11/4/74 n. 308".

MACONDO

MAURO ROSTAGNO & CLAUDIO CASTELLACCI - MACONDO
La storia del "luogo magico " di Milano...
(Sugarco Edizioni - Fatti e misfatti 67 - Ottobre 1978 - 224pp.)


















Macondo è il racconto veritiero delle avventure e disavventure di un locale milanese (Macondo, appunto), raccolto dalla voce del suo principale artefice, Mauro Rostagno (1942-1988). Il racconto di Rostagno - 2 intere giornate su dieci cassette - è stato poi elaborato dal giornalista Claudio Castellacci. Macondo, che visse tra il 1977 e il 1978, è da lungo tempo entrato nella mitologia "alternativa" milanese e del movimento del '77.
Rostagno, reduce dalle esperienza di Lotta Continua, scioltasi al congresso di Rimini del 1976, mise in piedi con altri tredici soci una cooperativa per gestire Macondo. Il locale, che prendeva il nome dalla terra immaginaria del celebre "Cent'Anni di Solitudine" di Gabriel Garcia Marquez, ospitava un ristorante, un bar, un mercato dell'usato e strutture per incontri, mostre ed iniziative culturali (famosi il convegno su "L'Arte di Arrangiarsi" e l'asta "Svendita del '68").
Frequentato da un pubblico numeroso e "trasversale" (freaks, militanti ma anche borghesi con simpatie "alternative"), incappò nella giustizia dopo la diffusione di facsimili pubblicitari di biglietti delle linee milanesi con la scritta "Vale uno spino" e "Ce l'hai un filtro?". Questo diede il via a perquisizioni, denunce, arresti, l'incriminazione per reati collegati all'uso di stupefacenti e la chiusura di Macondo.
Il racconto è completato da brani dalla stampa dell'epoca, divisa tra condanna (L'unità) e difesa (come Alfredo Todisco sul "Corriere della Sera"), gli attestati di solidarietà di intellettuali (Dario Fo e Franca Rame, Marco Boato, la rivista Re Nudo), una serie di testimonianze ed infine la sentenza del Tribunale che condannava i soci a tre mesi con sospensione della pena per avere permesso il consumo di sostanze illegali nel locale.
Dopo la riapertura Rostagno si trasferì in India per seguire Bhagwan Shree Rajneesh e il locale passò ad Andrea Valcarenghi, che lo fece diventare un centro di meditazione e ristorante, e ne cambiò il nome in "Vivek".

Sommario:
- Introduzione
- Parte Prima: Capitoli 1-4
- Parte Seconda: Capitoli 5-8
- Parte Terza: Capitoli 9*-11
Appendice N. 1:
- No all'ore (Mario Mieli)
- I vizi capitali (Lea Melandri, Giairo Daghini, Paolo Gambazzi)
- Interviste nel quartiere mentre i maconderos sono in galera ("Tam Tam") 
- Lettera di Francesco Alberoni sul caso Macondo a Charles Bukovski
Appendice N. 2: Sentenza del Tribunale di Milano (10 Marzo 1978)

* Il capitolo 9 consiste di una lunga poesia di Gianni Fez.
Il capitolo 10 contiene una lettera di Daniele Joffe letta al processo come dichiarazione degli imputati.

32 pagine di foto in bianco e nero (Italo Bertolasi, Enrico Gallo, Michaela Ceresa, Robi Schirer e Agenzia Stampa Tam Tam Milano) ed illustrazioni (Jacopo Fo e Lorenzo Mattotti).

Con brani tratti da: "La Notte", "Corriere della Sera", "Il Giorno", "Lotta Continua", "Il Manifesto", "L'Unità", L'Espresso", "Rotaia", "Repubblica".

Formato 21x13,5 cm.

Il sito di Claudio Castellacci ospita un "Amarcord Macondo".

SPARARE A VISTA

CAMILLA CEDERNA - SPARARE A VISTA
Come la polizia del regime DC mantiene l'ordine pubblico
(Feltrinelli - Attualità - Giugno 1975 - 212pp.)


















Sparare a Vista è un saggio della giornalista Camilla Cederna (1911-1997) sulle violenze commesse dalla polizia di stato nel contesto della cosiddetta "strategia della tensione" che - come scriveva l'autrice - sarebbe meglio chiamare "tecnica del regime". Il libro ricostruisce le vicende delle morti di Saverio Saltarelli (1970), Giuseppe Tavecchio, Franco Serantini (1972) e Roberto Franceschi (1973), tutti uccisi dalle forze dell'ordine in manifestazioni di piazza, e analizza il clima politico che rese possibili quei crimini e le successive coperture giudiziarie.

Sommario:
- 1. Non dimenticare
- 2. Saltarelli
- 3. Tavecchio
- 4. Serantini
- 5. Franceschi
- 6. La Guerra alla Statale

Formato 20,5x12,5 cm.

ROMA ALTERNATIVA

DARIO SALVATORI - SILVIO ROSSI - CLAUDIO MARRAS
ROMA ALTERNATIVA (Regia di Angelo Quattrocchi)
(Sugarco Edizioni - Collana Fallo! - 1975 - 200pp.)


















Roma Alternativa, curato da Dario Salvatori, Silvio Rossi e Claudio Marras (di "Fallo!", ex rivista e poi collettivo editoriale) con la supervisione di Angelo Quattrocchi, è una controguida alle realtà alternative della Roma del 1975. Il libro, che usciva mentre la capitale si preparava all'invasione dell'Anno Santo, forniva consigli ed indirizzi di trattorie, botteghe, librerie, cinema, biblioteche, mercatini etc., alla ricerca della città nascosta tra le pieghe della Roma stereotipata per turisti.
Tra i collaboratori: Matteo Guarnaccia e Renata Molho, Dinni Cesoni, Umberto Santucci, Giuseppe Ricci e tanti altri.

Una guida gemella fu realizzata anche per Milano ("Milano Alternativa", Sugarco 1975), a cura di Giuseppe Ricci, Claudio Marras e Mauro Radice (regia di Quattrocchi). 

"Giordano Falzoni ha aiutato, con il semplice fatto di esistere, qui a Roma.
E poi tutti quelli che partecipano al disegno di una Roma alternativa, figure di fratelli che hanno dato gioia ed amore a questo progetto: la rivista di controinformazione Combinazioni, Eddi Ponti, Carlo Alberto, Santa Teresa, il mistico Piero Verni, Re Nudo, Giuseppe della Stanza Editrice, Matteo e Renata, il Messaggero e Paese Sera loro malgrado, Santucci,Isia Isikowska, Manuela, Kronos 1991, il liceo Mamiani, Shanti Carlo, il gruppo di Pugno Rosso, Paolone, Marcellino, Carla, Dinni...".

Copertina: Claudio Baini.

SENZA CHIEDERE PERMESSO

SENZA CHIEDERE PERMESSO -  a cura di ROBERTO FAENZA
Come rivoluzionare l'informazione
(Feltrinelli - Attualità - Febbraio 1973 - 228pp.)


















Senza Chiedere Permesso, elaborato da un nutrito collettivo coordinato dal regista Roberto Faenza, è un saggio di controinformazione, un manuale sulla comunicazione alternativa, una guida all'uso del videotape. Il libro, contemporaneo ai primi esperimenti italiani di tv libera via cavo (1973), si occupa di tutti gli aspetti della produzione video, sia tecnici che legali ed analizza il problema del monopolio radiotelevisivo (che sarebbe durato ancora alcuni anni) e del decentramento; sono inoltre prese in esame le esperienze internazionali (Nord America, America latina e Italia).
Il videotape, uno strumento che era apparso come rivoluzionario perchè avrebbe permesso di produrre e trasmettere informazione in forma autonoma, si sarebbe rivelato - nonostante le buone intenzioni - un mezzo accessibile a pochi, soprattutto a causa dei costi allora proibitivi e della non totale compatibilità dei vari sistemi adottati.

Sommario:
- Introduzione (Milano, Gennaio 1973)
- Nota
- 1. Mezzi di comunicazione: passato presente futuro
- 2. Duo o tre parole sulla radiotelevisione italiana
- 3. Come riformare la radiotelevisione
- 4. Come rivoluzionare l'informazione
- 5. Per una rete televisiva decentralizzata
- 6. USA e Canada: verso l decentramento globale
- 7. Pionieri, gruppi e riviste della televisione alternativa in USA e Canada
- 8. C'è una comunicazione del Terzo Mondo
- 9. Col videotape la televisone la facciamo noi
- 10. Dalle masse alle masse
- 11. Contro le masse
- 12. Introduzione agli apparecchi audiovisivi
- 13. Come scegliere gli apparecchi (caratteristiche, consigli, prezzi)
- 14. Tabelle dei videoregistratori
- 15. Videocamere (bianco e nero e a colori)
- 16. Videonastri
- 17. Televisori e monitor
- 18. Microfoni
- 19. Accessori
- 20. A proposito delle videocassette
- 21. Video e film
- 22. Minimanuale
- 23. Facciamoci furbi
- 24. Proibito trasmettere pirata
- 25. Vocabolario
- 26. Intervento (Pio Baldelli e Goffredo Fofi)

Hanno collaborato: Frank Gerace e Fernando Lazaro ("Comunicazione orizzontale: cambio di struttura e mobilitazione sociale"), Carol Zeitlin e Eddie Becker, Giuseppe Richeri, il Collettivo ricerche audiovisive di Milano, Ivo B. Micheli, il Gruppo di iniziativa per i film di intervento politico, il Centro audiovisivo di Firenze, Marco Jorio, Corrado Jannelli, Anna Lajolo, Alfredo Leonardi e Giulio Lombardi, Aldo e Marina Mondino, Alberto Casati, Francesco C. Crispolti, Luciano Giaccari, Lea Melandri, Eddie, Claudia Kerpan, i fotografi di Contro-Immagine collettivo di lavoro, Paolo Bassi, Paolo Padova, Tony D'Urso, Giovanna Scalfatti.

Con 165 illustrazioni in bianco e nero.

Formato 20,5x12,5 cm.

BIANCO ROSSO E GRIGIOVERDE

GIULIO MASSOBRIO - BIANCO ROSSO E GRIGIOVERDE
Stuttura e ideologia delle forze armate italiane
(Bertani - Manifesti della lotta di classe 15 - Dicembre 1974 - 424pp.)






















Bianco Rosso e Grigioverde di Giulio Massobrio è un saggio-controinchiesta sul sistema militare italiano (strutture, giustizia, regolamenti, diritti). Il libro, nato da un seminario della facoltà torinese di Scienze Politiche su "Storia, struttura e funzionamento dell'Esercito Italiano" fu sviluppato con la collaborazione del Centro di Informazione e Difesa contro la giustizia militare (CIDM di Torino) nel 1974, anno della inchiesta giudiziaria sull'organizzazione fascista "Rosa dei Venti".

Sommario:- Introduzione di Sandro Canestrini
- Premessa (Novembre 1974)
- I. Elementi di continuità nella storia delle Forze armate italiane
- II. L'ideologia
- III. Il ruolo politico
- IV. Il sistema repressivo diretto (con la collaborazione del CIDM di Torino)
- V. L'organizzazione delle Forze armate oggi
- Post scriptum (24 Novembre 1974) - Bibliografia
- Appendice: Regolamento di disciplina militare

Formato 18,5x12 cm.

Elenco OPAC delle biblioteche con questo libro.